post-title Punto e accapo – Yoga e Reset 2014-02-18 14:58:28 yes no Autore

Punto e accapo – Yoga e Reset

Quando un apparecchio elettronico non funziona correttamente, siamo abituati a resettarlo, cioè lo spegniamo e poi lo riaccendiamo: facile, utile, intuitivo. Analogamente, possiamo pensare allo Yoga come a un Reset che effettuiamo sul nostro corpo fisico-emotivo-mentale. La finalità è “neutralizzare” gli schemi disarmonici che ci rimangono appiccicati addosso nel quotidiano, per tornare al nostro equilibrio […]

Autore

Pulsante Reset

Quando un apparecchio elettronico non funziona correttamente, siamo abituati a resettarlo, cioè lo spegniamo e poi lo riaccendiamo: facile, utile, intuitivo.
Analogamente, possiamo pensare allo Yoga come a un Reset che effettuiamo sul nostro corpo fisico-emotivo-mentale. La finalità è “neutralizzare” gli schemi disarmonici che ci rimangono appiccicati addosso nel quotidiano, per tornare al nostro equilibrio originario, alle nostre “impostazioni di fabbrica”.
Resettarsi significa riposizionarsi nel punto 0, in uno stato di neutralità. Riportare il proprio sistema in una fase di equilibrio disattivando schemi distonici che si sono installati nel nostro corpo-mente. Dobbiamo uscire da una lezione di Yoga con un corpo rinnovato, una mente maggior-mente concentrata, un respiro più presente, un’accresciuta unione interna.
Lo Hatha Yoga libera delle energie positive che possiamo incanalare nei nostri progetti di vita. Usando una terminologia informatica, praticare lo Yoga equivale a resettare il sistema, reinstallare il sistema operativo annullando l’effetto negativo dei virus, ma anche ad acquistare la licenza di un antivirus per prevenire i successivi attacchi. L’antivirus va aggiornato frequentemente, lo Yoga va praticato con costanza e in dosi significative.
Attiviamo il Reset stimolando il respiro, aiutandolo a trovare spazio all’interno di tutto il corpo, riconoscendo e superando blocchi emotivi e rigidità corporee. Il respiro viene sostenuto dalla mente che, attiva-mente, apre varchi, guidando la circolazione del soffio vitale nell’intero corpo. Cerchiamo la flessibilità del corpo fisico, apriamo le porte al respiro. Il vero schema da resettare, la flessibilità che ci interessa, è però quello della mente: è uscire dagli schemi che ci isolano, limitano, deprimono, per ricadere nel qui e ora con tutte le nostre potenzialità integre.

Simone & il Team di Associazione PuntoUno





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Confermando l’invio di questo modulo dichiaro di aver preso visione dell’Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679. Voglio ricevere newsletter ed aggiornamenti dal sito associazionepuntouno.net. I dati verranno conservati e trattati come indicato nell’(informativa sulla privacy)